Reiki Unitario, il Reiki del Suono®

Sin da piccolo ho attraversato diversi alti e bassi emozionali, soprattutto a partire dalla mia adolescenza, con sentimenti di “non appartenenza” e costante stato di ansia, momenti in cui non trovavo il senso della mia vita e “della vita”.

Con il passare degli anni, sono entrato nel mondo spirituale e ho conosciuto “esseri” meravigliosi che mi hanno guidato e mi hanno mostrato i passi da seguire …

In questo cammino, ho conosciuto anche Gabriela Gómez, che mi ha formato come Maestro di “Reiki Unitario” e mi ha aiutato in tutto il mio processo di guarigione e ricerca interiore (devo dire che mi sono connesso automaticamente con lei e con la sua tecnica, perché amo la musica e mi è sembrata un’unione – o fusione?? – perfetta). In seguito, ho iniziato ad utilizzarlo con altre persone e ho potuto constatare come lavora in loro ma soprattutto in me …

Nel 2008, dopo un episodio particolare della mia vita, ho sofferto di un forte shock emozionale e mentale che mi ha fatto entrare in una profonda depressione e mi ha portato letteralmente a perdere il mio “nord spirituale”. Devo dire che sapevo di avere nelle mie mani uno strumento potente però fino a quel momento non ero sufficientemente cosciente di ciò che potevo fare.

Per quasi due anni, senza abbandonare i miei trattamento allopatici, mi sono fatto auto-trattamenti tutti i giorni con costanza, disciplina, “fede” e con una convinzione e volontà ferrea che mi hanno fatto guarire completamente. È stato così… a poco a poco ho smesso di prendere farmaci e giorno dopo giorno, mese dopo mese, ho notato che l’ansia, la tristezza e soprattutto i sintomi sparivano; mi sentivo ogni volta più nel mio asse, autonomo, vitale, “allegro”, etc … in poche parole: “stavo veramente guarendo, in tutti i sensi”.

Ringrazio di tutto cuore il cielo per avermi dato l’opportunità di incontrare Gabriela Gómez e di aver ricevuto dalle sue mani questo potente metodo di guarigione. Grazie, grazie, grazie…

Francisco, Madrid, España


Alla fine dell’anno 2013, il mio stato di salute iniziò ad avere alti e bassi. Dato che non mi presi il tempo di fermarmi e occuparmene, iniziò a deteriorarsi.

In questo periodo, continuai a lavorare con l’aiuto del Reiki. La medicina tradizionale non poteva credere a come potessi proseguire con la mia vita. Nel marzo 2014 il mio stato si aggravò. Alla fine del 2014 mi diagnosticarono una leucemia linfoide cronica che aveva attaccato le cellule del fegato. Immediatamente mi ospedalizzarono per abbassare la febbre e combattere l’infezione. Ricevetti antibiotici per due giorni; poi iniziai la chemioterapia. La mia meravigliosa amica Jennifer Ruel, che è Maestra di Reiki Unitario, su mia richiesta, si unì al mio gruppo di amiche per darmi Reiki. Ricevetti Reiki Usui e Reiki Unitario. Ricevevo Reiki tutti i giorni prima e dopo la chemio e mio marito, che è anche lui Maestro di Reiki Usui e Reiki Unitario, mi faceva un’altra sessione durante la notte. Ricevetti Reiki ogni giorno per tutti i 16 giorni della terapia. Quando uscii dall’ospedale, le mie amiche continuarono le sessioni per altri 5 giorni. Quasi non ho avuto effetti secondari della chemio.

Reiki Unitario è qualcosa di particolarmente potente perché fa vibrare le cellule. Questo apre ancora di più la coscienza e ciò permette la guarigione.

Posso dire che ora sto bene. Avrebbero dovuto farmi un trapianto di midollo osseo, però ora non è più necessario. Continuo con Reiki. Reiki ci porta ad una profonda trasformazione per vivere meglio la vita. Credo che dovremo permetterci di vivere l’esperienza di Reiki, uno strumento che di permette di disfarci di ciò che non serve più e poterci così allineare con ciò che siamo venuti a fare in questa vita.

 Thérèse G. Beaumont, Canada